loading ... emozioni in corso

LOADING … EMOZIONI IN CORSO

Ti ha appena chiesto di sposarlo? Congratulazioni!

Erano mesi, se non anni, che aspettavi questo momento e ora come ti senti?

Dimmi la verità… questa cosa, nonostante tu lo voglia con tutto il cuore ti ha messa sottosopra. Sai cosa ti dico “è normale” che sia cosi! Non solo “è normale” ma sarebbe strano se non lo fosse.

Ora tutti guardano l’anello che hai al dito e si congratulano con te e con voi e tu sei super felice, è proprio quello che volevi ma … loading … emozioni in corso…

Cosa sono quelle emozioni che senti affiorare e che vuoi tanto nascondere e non considerare?

Te lo voglio spiegare in modo molto semplice. Il periodo che stai vivendo si definisce periodo di transizione. Nella vita si vivono molti di questi periodi come traslocare, diventare madre, perdere o cambiare lavoro, separarsi da qualcuno (lutto, divorzio), andare in pensione e sposarsi è uno di questi.

Le transizioni sono parte della vita e implicano tutte un cambiamento.

E’ normale (come non mi piace usare questa parola) e addirittura benefico sentirsi:

  • impauriti
  • confusi
  • arrabbiati
  • disorientati
  • soli
  • vulnerabili
  • persi
  • intontiti

Riconoscerlo è il passo successivo.

loading ... emozioni in corso

Il periodo di transizione che va dal fidanzamento al matrimonio e quindi praticamente tutto il periodo dell’organizzazione, ti accompagna lungo la trasformazione da single a donna sposata.

Il matrimonio è molto di più di un giorno di festa.

Se continui a leggere queste mie righe è probabile che quello che sto dicendo ti risuoni dentro. Credevi il periodo dell’organizzazione del tuo matrimonio sarebbe stato uno dei periodi più eccitanti e felici della tua vita, ma cos’è allora l’ansia che ti tiene sveglia la notte o ti sveglia le prime ore del mattino impedendoti di dormire ancora? Il fatto è che stai evitando di condividere queste tue sensazioni con i tuoi amici o la tua famiglia per paura che pensino che stai mettendo in dubbio la decisione di sposarti. Così tieni tutto per te e cosa fai? Ti butti a capofitto nell’organizzazione del tuo matrimonio focalizzandoti solo sulle cose pratiche da fare.

Perché dovresti sentirti così triste e spaventata proprio nel periodo che precede “il tuo giorno più bello”?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo considerare il matrimonio come è riconosciuto universalmente e cioè come un rito di passaggio,  e comprendere che con il matrimonio una fase della vita finisce e ne inizia un’altra. E’ un punto di svolta nella vita in cui facciamo esperienza di un cambio della nostra identità. Un cambiamento di identità comporta una perdita e la perdita coinvolge sempre il dolore. Come possiamo lasciar andare qualcosa che è stato con noi finora e non sentire dolore? Come possiamo evitare di sentire la paura quando non sappiamo proprio cosa ci aspetta?

loading ... emozioni in corso

Il punto è che. per completare questo rito di passaggio, vivendo il periodo del fidanzamento senza perdere la testa, arrivando al giorno delle nozze serena e gioiosa e iniziare il matrimonio con basi solide, non puoi concentrarti solo su questioni pratiche, esterne, ma devi guardarti dentro. Il mio obiettivo è che tu ne prenda consapevolezza permettendoti di vivere tutte le emozioni che affiorano durante l’organizzazione.

Il mio metodo INSIDEOUT wedding è studiato proprio per guidarti passo a passo, sia negli aspetti pratici dell’organizzazione, sia in quelli emozionali, in una delle più importanti transizioni della tua vita.

Puoi avere un assaggio del metodo scaricando gratuitamente il mio e-book qui.