Photo by Ben White on Unsplash

matrimonio perfetto

Sei sicura di volere un matrimonio perfetto?

Matrimonio perfetto di qua, perfetto di là…ma a voi non fa saltare i nervi? Io lo leggo ovunque e mi irrita sempre di più. Mi rendo conto di andare controcorrente ma se non lo dico nel mio diario, dove potrei mai espormi…

Ma cosa ci spinge a ricercare l’dea di perfezione che ci hanno inculcato con tutti i mezzi di comunicazione? Corpi perfetti, case perfette, auto perfette, figli perfetti, madri, mogli, amanti perfette…e ma che pesante! Ormai io sono arci stufa di queste etichette così altisonanti che in fondo non vogliono dire un bel niente. Tra l’altro la mia idea di perfezione, nel senso di eccellenza, è così elevata e praticamente irraggiungibile, che solo tendere a realizzarla è uno sforzo che non ripaga mai l’impegno e la fatica fatti.

L’idea di perfezione che ci propinano è falsa, deviante, e molto spesso ci allontana dal nostro vero sentire per uniformarci a quello che gli altri ritengono che sia “perfetto”. Se poi pensiamo che il termine perfezione deriva dal latino e vuol dire condotto a termine, portato a compimento, capiamo bene tutto quello che è stato costruito sopra, di che significati è stato intriso questo termine.

La mia visione di perfezione è molto cambiata negli anni e ora il mio concetto si avvicina molto a qualcosa di sincero e non artefatto, qualcosa che ha un senso. Perfezione è essere coerenti con se stessi e non mostrare copertine patinate ma privilegiare i contenuti ed è questo che voglio far capire ai miei sposi (ndr. spose).

Vuoi davvero impazzire durante i preparativi del tuo matrimonio?

Adeguati (invano) al concetto di perfezione che trovi su riviste di settore, programmi televisivi e chi più ne ha più ne metta. Si vedono dappertutto immagini stereotipate, photoshoppate, ideali di bellezza, idee di giusto e sbagliato… ma chi lo dice?

Negli Stati Uniti utilizzano un termine, che mi diventa difficile tradurre con una parola sola, per indicare una tipologia di sposa, l’incubo peggiore per tutte le wedding planner ma soprattutto per chi le sta accanto durante questo periodo: la Bridezilla.

La bridezilla è la sposa ossessionata, quella che non vive più, o meglio, vive solo per rendere “perfetto” il proprio giorno del matrimonio, la festa e che lo vive come se fosse una cosa solo sua. E’ la sposa che vuole avere i colori di tendenza, l’abito di quel famoso brand, la location più esclusiva e in voga in città. E’ la sposa disposta a spendere molto più del suo budget per apparire come nelle riviste, che vuole quel fotografo perché pubblicherà il suo matrimonio su tutti i social. Tutto è di contorno e ben presto lo diventa anche il futuro marito. E’ Cenerentola che si prepara per il gran ballo, l’evento dell’anno e per lei l’evento della vita, ma vi ricordate cosa succede allo scoccare della mezzanotte a Cenerentola? L’incantesimo svanisce… ed è proprio quello che accadrà alla cara bridezilla, purtroppo. Una sposa che investe così tanta della sua energia nel vano tentativo di assomigliare a qualcun altro, perdendo se stessa,  si ritrova ad essere come una rivista con una bellissima copertina ma senza pagine all’interno, senza storia.

Tu una storia vera da raccontare ce l’hai, la tua storia, e se vuoi arrivare alle nozze con il giusto grado di tensione e entusiasmo, ti invito a leggere cosa posso offrirti. L’elenco dei servizi che offro è uguale a quello di tutti gli altri, più o meno, è il modo con cui interagisco con i miei sposi che fa la differenza, sia che tu scelga un percorso organizzativo classico, sia che tu scelga un percorso consapevole. 

Leggi qui cosa posso fare per te!