photo by nicole-honeywill on unsplash

Same sex wedding

Same sex wedding…perché discriminare?

No, non volevo proprio parlarne di questo argomento perché lo trovo inutile e offensivo…si offensivo per chi si sente discriminato da un’etichetta. Un’etichetta discrimina sempre. Di etichette ne abbiamo attaccati tutti una gran quantità, molte ce le siamo appiccicati da soli e ci fanno male. Perché devo dire che organizzo matrimoni per omosessuali? Cioè, perché devo specificarlo? Certo che li organizzo, per me organizzare va oltre le inclinazioni sessuali dei miei clienti, il colore della loro pelle, la loro nazionalità, la religione e mille altre differenziazioni.

Oggi mi trovo a ragionare su questo argomento e mi è venuta voglia di scriverlo qui su queste pagine, perché sia veramente chiaro come la penso. Io credo nell’Amore con la A maiuscola, credo che l’amore sia il motore di ogni cosa e credo che le anime si incontrino sempre per una ragione e facciano dei pezzi di strada insieme in questo mondo per imparare insieme. Non sarò io a decidere se è giusto o è sbagliato anche perché credo che non ci sia un giusto e un sbagliato. Credo infatti in un altro grandissimo valore: la Libertà. La più grande libertà è essere se stessi, autentici, veri. (qui ho elencato i miei valori)

Diciamolo chiaramente cosa cambia nell’organizzazione di un matrimonio same sex da un matrimonio etero?

La risposta è NIENTE. La differenza nell’organizzazione, come anche per i matrimoni etero, la fa il wedding planner come persona, la sua sensibilità, il modo di approcciarsi. E la grandissima differenza la fa la coppia. L’organizzazione ha degli step che vanno più o meno rispettati ma la differenza la fa la coppia, con le sue esigenze, aspettative, sogni.

Non esiste uno step in cui in base alle inclinazioni sessuali si fa una cosa o un’altra, non esiste proprio.

Dire che io organizzo matrimoni same sex mi sembra quasi ridicolo, ora potete sicuramente capire il senso con cui lo dico. Discriminare è creare separazione e la separazione porta inevitabilmente al conflitto. La mia idea, anche con il mio progetto di matrimonio consapevole (leggi qui se non lo hai ancora visto) che tengo a precisare qui e ora, si rivolge a tutte le coppie, è quella di creare una maggiore unione, consapevolezza, arricchimento della coppia, anche e soprattutto durante il difficile periodo dell’organizzazione del matrimonio.

loveislove

#loveislove